#Oscar2016: the day after

LIFESTYLE

Ammettetelo: siete crollati sprofondando sotto il piumone in un sonno profondo quando le stars ancora sgambettavano con fare altezzoso sul tappeto rosso, e non avete avuto neanche la forza di restare svegli per vedere l’inizio della cerimonia. E questa mattina, con un occhio ancora restio ad aprirsi ed ancora sprofondati sotto il piumone, avete afferrato il vostro smartphone e, brancolanti nel buio della vostra camera da letto, avete subito digitato su google “oscar 2016” per apprendere i risultati. Esatto?!

Archibeginner: e mo #basta! 

LIFESTYLE

Colleghi presenti e futuri, architetti di fatto o architetti di poi che si accingono ad esserlo, ve-prego, siate amorevoli verso voi stessi e altruisti verso gli altri: non accettate collaborazioni e prestazioni professionali aggratis! E-mo-bbbasta! Ci siamo rovinato la reputazione e abbiamo dato adito a sfruttamenti incessanti accondiscendendo a lavorare senza compenso alcuno o con un contentino monetario denigrante! È ora di cambiare! Il nostro è un lavoro bello ma pieno di responsabilità che vanno riconosciute e dignitosamente ripagate; un lavoro dove l’attenzione va sempre tenuta desta e la mente ingegnosa va costantemente spremuta.

#Cosmoprof waiting for

BEAUTY

Ci siamo. Il cuore batte e l’attesa cresce ma il tempo si accorcia, ed ecco che manca poco meno di un mese all’unica vera manifestazione emblematica in campo di beauty e di make-up: il Cosmoprof è alle porte!

Dal 17 al 21 marzo la città di Bologna ospiterà, ancora una volta, nel Quartiere Fieristico, la 49a edizione della manifestazione dell’industria cosmetica mondiale: il COSMOPROF WORLDWIDE BOLOGNA.

#Culinaria: uno spettacolo di cucina!

FOOD

Roma. Qui si magna e qui si beve. Ma questo weekend bando a locali, trattorie, brunch glamour e burger night: questo weekend la cucina, quella vera, ma soprattutto quella creativa, è solo al Capitol Club di Roma, che ospita la decima edizione di Culinaria_Il gusto dell’identità. Una full immertion in uno spettacolo di cucina, in un trionfo di sapori, colori, ingredienti, che, in un tripudio di idee bizzarre e innovative di chef di alto livello, alcuni dei quali addirittura stellati, è pronta a regalare attimi di esultanza anche ai palati più esigenti.

#ArchiOutfit

LIFESTYLE

Il bello dell’essere architetto, oltre al fatto che puoi camminare nei tuoi sogni, è che ti puoi vestire come-cappero-ti-pare, tanto la gente ti biasima e a te non te ne importa mica!

Architetti e moda sono due poli opposti che non si attraggono quasi mai.

Noi del club #Nespresso

FOOD

Non è tutto oro quel che luccica. Ma c’è anche dell’oro che mica luccica: è l’oro nero (e per me l’oro nero è solo il caffè!)! Si, benché non sia un metallo o un idrocarburo, il caffè è altrettanto prezioso per noi umani, essendo oramai divenuto per alcuni un bene di prima necessità. Non ne possiamo letteralmente fare a meno! È essenziale per i nostri risvegli, necessario per il nostro umore, benefico per il nostro corpo, energetico per la nostra mente, digestivo per il nostro stomaco. E poi manda in un positivo subbuglio le nostre papille gustative! Io ne bevo ettolitri!

#DoReMi fa

LIFESTYLE

Qualche nota fa, Sanremo era il festival della canzone italiana, ebbasta! Superlative composizioni musicali e testi indelebili echeggiavano per un tempo illimitato nelle orecchie di italiani e non. La canzone era la vera e unica protagonista. La canzone è invece oggi relegata ad un secondo piano, sopraffatta da ospitate internazionali, da vallette e valletti (?), da critiche e da ironie. Dopo un periodo di abisso, in cui guardare Sanremo era sinonimo di sfigato o matusa, siamo giunti, negli ultimi anni, ad una condizione in cui stare attaccati alla TV a contemplare il festival è di estrema importanza per il nostro essere glamour e social. Si, va di moda guardare Sanremo! Ma mica per ascoltare le canzoni! No, no! Le melodie entrano da un orecchio, e dall’altro ne escono, eclissate dai nostri neuroncini che ad altro non pensano che a criticare il look, i gesti, le parole, la scenografia, i fiori, gli ospiti! E della canzone non je ne può fregà di meno! E anche di chi vincerà non je ne può importare mica, dato che da dopodomani i nomi di canzone e cantante vincitori scivoleranno inesorabilmente nel dimenticatoio!

Ciao Darwin, ciao #Barbie

LIFESTYLE

La rivoluzione sta arrivando. Il mondo di Barbie sta cambiando. La bellezza sta cambiando.

Tenetevi forte perchè da marzo 2016 l’ideale stereotipato di allusiva perfezione che, sin dalla nostra tenera età, ci propugnava concetti e preconcetti di una bellezza aleatoria, cede alla realtà e si piega a dimostrare che la bellezza in fondo ha diverse taglie, diverse altezze, diversi colori di pelle e di capelli, diverse sfumature. La bellezza oggettiva, che esula da passibili gusti soggettivi, viene alterata da una realtà non più celata. Ecco che arrivano, con grande stupore e in un estremo ritardo societario, la Barbie curvy (forse troppo poco curvy), la tall e la petite, in varie declinazioni, ma sempre tendenzialmente estremamente fighe, fighette e fighettine.

Mercoledì tutti al #Cinema

LIFESTYLE

_Ti porterò sempre al cinema in quei giorni feriali ad ingresso ridotto…_ cantano i Toromeccanica, un piccolo ma grande gruppo musicale salentino , in “L’amore ai tempi della crisi”. Si, perché oramai tutti approfittano dell’ingresso ridotto al cinema di mercoledì! Ed eccoci correre a vedere le ultime uscite, ma soprattutto gli onorati film soggetti ad una o più candidature all’Oscar, perché il toto Oscar è ormai partito all’impazzata e il countdown incalza! Eccoci giudicare chi merita e chi non merita la tanto ambita candidatura che dovrebbe essere sinonimo di qualità, in teoria indiscussa ma in pratica discutibile; eccoci scommettere su chi vincerà e chi rosicherà (a proposito: pray for Leo!); eccoci scommettere su chi indosserà l’abito più bello del reame Hollywoodiano e chi invece sfoggerà look sfioranti l’abbisso del cattivo gusto.

#Chiacchere a colazione

FOOD

Colori, maschere, scherzi, travestimenti, eccessi, musica, feste, coriandoli, manifestazioni. È Carnevale. Che implica giovedì e martedì grasso, che implica mangiare. Ecco quindi il dolce carnevalesco che unisce l’Italia, da nord a sud, da est ad ovest: le chiacchere (frappe per i romani, sennò si offendono).Io ho trasgredito all’emblema dell’aggettivo grasso e mi sono permessa di farne una versione “light”, al forno. Nello scusarmi per l’eresia, ecco la ricetta: